A Sì Sposaitalia Collezioni 2018 approda l’Accademia di Belle Arti di Frosinone

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Filament.io 0 Flares ×

Dal 6 al 9 aprile l’Accademia di Belle Arti di Frosinone sarà presente alla 41° edizione di Sì Sposaitalia Collezioni con gli abiti realizzati dalle vincitrici del concorso Sposafutura 2018 by RomaSposa

Sì Sposaitalia 2018

Dopo il grande successo e la vittoria del concorso romano, presso il padiglione 4 di Sì Sposaitalia (all’interno di Fiera Milano City), sarà possibile osservare dal vivo gli abiti realizzati dalle studentesse del corso di Fashion Design, Greta Ardizzoni, Mahnaz Ebrhaimi, Nicole Decembrino e Anna Reali.

“Grazie al supporto del FabLab di Frosinone, laboratorio di fabbricazione digitale e prototipazione rapide dove si sperimenta innovazione le ragazze hanno realizzazato il loro sogno: i loro abiti.”

Durante la Milano Bridal Week saranno inoltre esposti una selezione di modelli della collezione White Noise I must be dreaming presentata ad Alta Roma 2017, una ricerca formale e tattile che si esprime attraverso abiti acromatici.

Il bianco come colore ad alta luminosità ma senza tinta. Forme irregolari e asimmetriche, silhouette costrittive, per metà romantiche, raccontano una donna onirica, celata da tessuti che appartengono a una vecchia camicia, tendaggi del corredo, ricami fatti a mano.

Abiti caratterizzati da textiles e nuove forme tipologiche si muovono fuori dal tempo per cercare un senso comune, generare rumore con una nuova idea di bellezza nelle sfumature di bianco.

“Innovazione, sperimentazione, originalità e tecnologia per abiti da sposa eleganti e contemporanei.”

A seguire le studentesse nel lavoro Giuseppe Iaconis, docente e coordinatore del corso di Fashion Design, Alessandra Di Pofi docente di tecniche sartoriali e Paola Iannarilli docente di graphic design per la moda.

Di fondamentale importanza è stata anche la sinergia avviata tra l’Accademia, la Camera di Commercio di Frosinone e Aspiin, Azienda Speciale Internazionalizzazione e Innovazione della Camera di Commercio, che hanno creduto ed investito su un progetto così importante, permettendo la realizzazione degli abiti.

 

Lascia un commento